Emilia Romagna Slow | 5 sentieri per la Primavera

 | 

Emilia Romagna Slow | 5 sentieri per la Primavera


Tempo stimato di lettura: 6 minuti

Addentrarsi all’interno della Natura fino al limite della civilizzazione umana, dove il bosco ritrova il suo stato originario nel regno degli animali selvatici.

L’escursionismo a piedi nella Natura è una di quelle attività che ancora oggi permette di accedere ad una dimensione differente dello spazio naturale, mano mano che ci addentriamo all’interno di un sentiero infatti iniziano a diminuire le tracce della civilizzazione umana, dove paesi, borghi e cascine lasciano lentamente spazio alle grandi distese boschive. Qui e lì qualche traccia di antiche strutture di ricovero, segno di una civiltà oramai scomparsa e di un rapporto con l’ecosistema naturale più diretto.
Le grandi città del XIX secolo oramai da tempo attirano genti da tutti i territori, spopolando le aree collinari e montane più interne, che con lentezza stanno tornando al loro paesaggio originario.
Ecco, l’escursionismo a piedi lungo i sentieri naturali permette di ritrovare questo paesaggio, insieme con le tracce degli uomini che lo hanno abitato ed è per questo che oggi, nel momento in cui ci apprestiamo ad accogliere la bella stagione primaverile, vorremmo portarvi lungo 5 sentieri della rete escursionistica dell’Emilia Romagna. Percorsi escursionistici di estremo valore storico e naturale, in cui ritrovare un rapporto differente con la natura, con i manufatti e con la storia degli uomini che hanno vissuto per secoli in stretto rapporto con le risorse circostanti.

5 sentieri a simbolo di una rete escursionistica ampia e di estremo valore, L’Emilia-Romagna è attraversata infatti da oltre 7000 km di percorsi; una fitta rete di percorsi escursionistici segnalati, che si estende dal crinale appenninico sino alla pianura e che, dalla fine degli anni ’80, ha dato vita ad un progetto di cartografia escursionistica realizzato in collaborazione con la delegazione regionale del CAI, realizzando una mappature delle tracce ed una loro pubblicazione per gli utenti finali su SentieriWEB e l’Applicazione mobile Maps4You.



Alta Via dei Parchi

Sentieri

Alta Via dei Parchi – Ph. Trekking Emilia Romagna

Di certo il più grande percorso escursionistico dell’Emilia Romagna, l’Alta Via dei Parchi è un fantastico itinerario da percorrere a piedi lungo l’Appennino fra l’Emilia-Romagna, la Toscana e le Marche. Quasi 500 chilometri di salite e discese che riassumono in sé il meglio che le montagne appenniniche sanno offrire, circhi glaciali, laghi immersi nello splendore delle praterie d’alta quota, sterminate foreste e limpidi torrenti, rupi vulcaniche e falesie di gesso, su quel crinale climatico tra Europa e Mediterraneo.
L’Alta via dei Parchi deve il suo nome al fatto che attraversa in totale otto parchi naturali: due nazionali (Il Parco dell’Appennino Tosco Emiliano – Il Parco delle Foreste Casentinesi e del Monte Falterona e Campigna); Cinque parchi regionali ( Parco dell’Alto Appennino Modenese, Valli del Cedra e del Parma, Corno alle Scale, Laghi di Suviana e Brasimone, Vena del Gesso) ; ed un parco interregionale (Sasso Simone Simoncello).
Il percorso dell’Alta Via dei Parchi, viene solitamente suddiviso in 27 tappe, ma si presta ad essere affrontato anche in parte o in alcune singole tappe, ed è chiaramente individuabile dagli escursionisti grazie a un’apposita segnaletica coordinata e completato da una serie di strutture a servizio dei visitatori.
Sul sito ufficiale dell’Alta Via dei parchi è possibile trovare anche le tracce GPS delle 27 tappe che compongono l’itinerario, ognuna corredata di un file compatibile con i dispositivi GPS da escursionismo per seguire il tracciato del sentiero in modo sicuro e preciso. I file possono anche essere scaricati singolarmente, in formato GPX.
Inoltra a supporto degli escursionisti è disponibile anche l’App Maps4You (disponibile sia per Android che per Apple), applicazione gratuita che presenta una lista di mappe tematiche specifiche, oltre a tutti gli altri sentieri della Regione Emilia-Romagna

Specifiche Tecniche

Percorrenza: 500 Km
Difficoltà: E++
Periodo consigliato: Da Maggio a Settembre a seconda dell’andamento neve


Via Vandelli

Sentieri

Via Vandelli – Selva Romanesca, Modena Ph. Giuliof via Wikipedia

La Via Vandelli nasce nel XIIX Secolo per volere del Duca di Modena, Francesco III d’Este che desiderava avere un sicuro accesso al mare sul territorio del ducato. Fu cosi incaricato il matematico Domenico Vandelli di disegnare il tracciato impervio di una strada per carrozze per attraversare l’Appennino; dopo dieci anni di lavori nel 1751 la strada fu completata. Purtroppo l’itinerario risultò da subito troppo impervio e infestato dai briganti, oltre all’impossibilità di percorrerlo per molti mesi all’anno a causa della neve, cosa che ben presto lo rese un itinerario abbandonato.
La Via Vandelli è oggi uno spettacolare percorso escursionistico che collega le città di Modena e Massa Carrara e che si dipana lungo l’Appennino Modenese e le Alpi Apuane. Con una settimana circa di cammino, partendo da Modena si raggiungono le montagne del Frignano fino ad entrare nelle Valli della Garfagnana in territorio toscano. Purtroppo oggi non esistono carte escursionistiche dettagliate della Via Vandelli, ne è possibile percorrerla su un unico sentiero del CAI. Consigliamo quindi tutti coloro che intendono percorrere questo spettacolare itinerario di contattare preventivamente il CAI di Modena o la sezioen del CAI Di Massa per un aggiornamento delle condizioni dei sentieri.

Specifiche Tecniche

Percorrenza: 200 Km circa
Difficoltà: E++
Periodo consigliato: Da Maggio a Settembre a seconda dell’andamento neve


Il Sentiero delle Foreste Sacre

Sentieri

Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi e del Monte Falterona e Campigna – Riserva Integrale di Sasso Fratino

Un connubio tra natura e spiritualità che attraversa il Parco delle Foreste Casentinesi e del Monte Falterona e Campigna toccandone tutti i punti più significativi. Questi boschi incontaminati hanno accolto per più di mille anni comunità di monaci che hanno vissuto in strettissimo rapporto con l’ambiente circostante, una natura da cui ricavavano prezioso legname e dove trovavano le condizioni necessarie alla contemplazione, al raccoglimento interiore e alla preghiera.
Il Sentiero delle Foreste Sacre è un percorso di circa 100 chilometri che si articola in sette tappe, da Lago di Ponte di Tredozio a La Verna, sette giorni in cui raramente si incontrano automobili e centri abitati, ma si attraversa il verde manto delle Foreste Casentinesi, con la possibilità di visitarne i luoghi più suggestivi: la valle dell’Acquacheta, il Monte Falterona, la Foresta di Campigna, la valle Santa, Camaldoli e La Verna.
Il Parco delle Foreste Casentinesi e del Monte Falteorna e Campigna è stato dichiarato Patrimonio Mondiale dell’UNESCO grazie alla presenza di faggete tra le più antiche d’Europa, con un patrimonio diffuso sul territorio nazionale di alberi vetusti che superano 400-500 anni di età e che si trovano nella sezione più meridionale del Continente.

Specifiche Tecniche

Percorrenza: 95 Km circa
Difficoltà: E
Periodo consigliato: Da Maggio a Novembre


Trekking della Linea Gotica

Sentieri

Trekking Linea Gotica – Mappa

La Linea Gotica era la linea difensiva organizzata dall’esercito tedesco lungo l’Appennino Tosco-Emiliano, dalla costa del Tirreno fino all’Adriatico, e fu realizzata per frenare l’avanzata degli Alleati al termine della Seconda Guerra Mondiale, il cui percorso originario saliva dal borgo di Sarzana, a cavallo fra le odierne province di La Spezia e Massa Carrara, e proseguiva lungo le Alpi Apuane e la Garfagnana, seguendo i crinali dell’Appennino emiliano e toscano fino al Montefeltro e a Pesaro.
Il trekking della Linea Gotica oggi ricalca la cartografia che sviluppò l’esercito tedesco del 1944 ed è frutto di un lavoro di ricerca negli archivi militari di Friburgo dello storico Carlo Gentile e dell’Istituto dei Beni Culturali Emilia-Romagna.
Il trekking della Linea Gotica è un percorso storico-naturalistico di più giorni che parte da Massa-Carrara e termina a Ravenna ed e’ solitamente suddiviso in 25 tappe che attraversano sei differenti ambienti naturali: Alpi Apuane, Alto Appennino, Medio Appennino, Contrafforte Pliocenico, Vena del Gesso Romagnola e Pianura Romagnola.
Un itinerario spettacolare fra creste e crinali, ma anche viaggio nella memoria collettiva: un silenzioso ringraziamento a quanti, nostri conterranei o giunti da paesi lontani, fra quei boschi e quei dirupi hanno sacrificato i loro anni giovani per la libertà d’Italia.

Specifiche Tecniche

Percorrenza: 376 Km circa
Difficoltà: E++
Periodo consigliato: Da Maggio a Novembre


L’Abetina Reale

Nel 1451 buona parte dell’alta Val Dolo, sulle colline reggiane, fu ceduta al duca d’Este in cambio di privilegi fiscali: la residua foresta mista di abete bianco e faggio fu detta così abetina ducale o reale per 4 secoli e venne sfruttata principalmente come legnaia del ducato.
Dopo oltre un secolo di proprietà privata, da 30 anni fa parte del demanio regionale ed è oggi un vero polmone verde ricco di storia e cultura inserito nel suggestivo scenario del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano.
L’itinerario presenta un percorso ad anello che tocca tre rifugi, fino agli storici pascoli affacciati sulla Val d’Ozola, tra il Prado e il Cusna, con alcune varianti un poco più avventurose e segue i percorsi segnati dal CAI n° 605 – 605A – 633 – 631.
L’itinerario dell’Abetina Reale è oggi un affascinante trekking adatto a tutte le tipologia di camminatori che si snoda lungo il crinale dell’Appennino tosco Emiliano toccando una quota massima di 1772 metri sul livello del mare.

Specifiche Tecniche

Percorrenza: 9 Km circa
Difficoltà: E
Periodo consigliato: Da Giugno a Novembre


Autore:

Esploratore e Avventuriero: ama navigare gli oceani, scalare le montagne più alte e surfare sulle onde del web

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *