Emilia Romagna: 5 sagre per scatenarsi col liscio

 | 

Emilia Romagna: 5 sagre per scatenarsi col liscio


Tempo stimato di lettura: 1 minuto

Estate è sinonimo di tante cose: la prima immagine che questa stagione sa suscitare nell’immaginario collettivo è, solitamente, il sole a picco sul mare, seguito dalle feste in spiaggia, le camminate sull’Appennino in cerca del fresco e il frinire delle cicale.
Ma non sarebbe estate in Emilia Romagna senza le sagre, feste dal sapore antico e mai tramontato che mescolano il gusto dei piatti tipici regionali, quelli scomparsi dai ristoranti ma tramandati grazie al sapere famigliare e cucinati secondo le ricette autentiche, mangiati senza troppi fronzoli all’aria aperta, con i piedi nell’erba e un sottofondo inconfondibile: le orchestre di liscio!

download (2)
Ecco 5 sagre imperdibili per scatenarsi sotto le stelle a ritmo di Liscio!

Sagra del Tortellone: dal 21 al 24 luglio a Bevilacqua (Bologna)
Va da sè, una varietà per tutti i gusti di tortelloni fatti a mano, ma non mancano arrosti e rane fritte. Musica e spettacoli sono garantiti dalla musica anni ’60 con il complesso Cicci Condor, lo show di burattini e lo spettacolo di cabaret con Duilio Pizzocchi.

Festa di mezzaestate e sagra dell’Acquacotta: 6 e 7 agosto a Montecoronaro (Forlì-Cesena)
Montecoronaro è un paese situato nell’Appennino tosco-romagnolo, nell’alta vallata del fiume Savio, versante cesenate: qui ogni anno si degusta la tipica Acquacotta, oltre a polenta e tagliatelle. E mentre i piccini si divertono tra Luna Park ed esibizioni di arte e fuoco, i più grandi danzano sulle note dell’orchestra Ivano Pescari.

Sagra della bortellina bettolese: 20 e 21 agosto, Bettola (Piacenza)
Si tratta della tradizionale sagra paesana, con caratteristico corteo in costume e sfilata di carri allegorici (domenica dalle ore 10:00), stand gastronomici con preparazione e vendita della “bortellina”, una sorta di frittella morbida salata tipica di Bettola. Sulla cornice, giochi e attrazioni per bimbi, mercatino di prodotti biologici e degli hobbisti. La sera non può essere che musica danzante!

XXII Festa dell’Estate: dal 5 al 7 agosto a San Cassiano – Baiso (Reggio Emilia)
Tortelli ai funghi e polenta con cinghiale, ballo liscio al ritmo delle musiche eseguite dal vivo dall’Orchestra. Gran finale con spettacolo pirotecnico!

Gran festa sotto il cielo d’estate: 6-7 agosto a San Pellegrino Parmense, Strada della Costa
Gustare il fritto misto di pesce al fresco dell’Appennino parmense? Si può! E non mancano nemmeno la grigliata di carne, le patitine fritte, gelato e crostate di marmellata per grandi e piccini, che potranno danzare dalle 19.00 sulle note delle orchestre di ballo liscio.

download (1)
(In copertina, foto di Erik Messori/Capta per National Geographic)

Tags:

- - -

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *