Ma cos’è il formadio? Il Festival racconta

 | 

Ma cos’è il formadio? Il Festival racconta


Tempo stimato di lettura: 1 minuto

Correva l’anno 1159, quando i fratelli Martino, Giovanni e Domenico di Formolaria- vicino Corniano di Bibbiano sull’Appennino Reggiano- chiedevano al monastero di Marola di avere in affitto una serie di terreni, offrendo in cambio denaro e una serie di prodotti tra cui “tres aporto de formadio”.
Come dite? La storia dei “tres aporto de formadio” non vi dice nulla? E allora non possiamo fare a meno di invitarvi alla festa che si terrà a Carpineti (RE) i prossimi 24 e 25 Ottobre. Perché in quella sede l’arcano del formadio vi si disvelerà e scoprirete- com’è accaduto a noi qualche settimana fa- che il prodotto realizzato dai tre intraprendenti fratelli altro non è che l’antenato del Parmigiano Reggiano. Durante la Due Giorni tra Delizie di Castagne e Parmigiano Reggiano si parlerà con rievocazioni, visite guidate e mostre della storia pluricentenaria del nostro celeberrimo formaggio, e si scoprirà di come e quando le Terre Canossiane si siano ricoperte di castagneti. Un’occasione unica, insomma, per fondere cibo, storia e cultura materiale dell’Appennino emiliano- romagnolo.

E sempre tra i prati d’Appennino- soltanto qualche chilometro più a Nord- prosegue l’Autunno Gastronomico Valtarese. Protagonista in questo caso è il fungo, ed in particolare il prelibato Fungo Porcino IGP di Borgotaro: ad esso sono dedicati ricette particolari nei ristoranti della zona, banchetti ed addirittura un concorso, il “Fungo d’Oro”, per premiare il miglior menu creato dai locali della vallata.

Chiudiamo la nostra carrellata settimanale su Wine and Food Festival Emilia Romagna con una serie di flash a tema di tartufi. Al più nobile dei tuberi sono dedicati infatti almeno quattro eventi: la Fiera Nazionale del Tartufo Bianco Pregiato (ultima giornata domenica 25); la Tartufesta dell’Appennino bolognese; la Fiera Nazionale del Tartufo Nero di Fragno e ultima, ma non ultima, la Fiera- Sagra del Tartufo di Dovadola. Buon appetito!

Autore:

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *