Future Film Festival: uno sguardo sul cinema di domani

 | 

Future Film Festival: uno sguardo sul cinema di domani


Tempo stimato di lettura: 1 minuto

fff1Da dodici anni racconta il mondo dell’animazione a grandi e piccini. E anche stavolta è tornato puntuale, con il suo carico consueto di idee, novità e suggestioni sul cinema che c’è e- soprattutto-su quello che ci sarà. Stiamo parlando del Future Film Festival, la grande rassegna dedicata all’animazione e agli effetti speciali che apre oggi i battenti a Bologna.

Gli appuntamenti in calendario durante i sei giorni della manifestazione sono tantissimi- così tanti che non ci avventuriamo neppure nel tentativo di elencarli integralmente.
Segnaliamo invece alcuni momenti assolutamente da non perdere. Su tutti il seminario di Joe Letteri, Director di Weta DigitalVisual e responsabile degli effetti speciali di Avatar, il quale presenterà in anteprima mondiale il making of dell’arciplurinominato film di James Cameron. “In Avatar le dimensioni, il livello di dettaglio e la complessità del lavoro di computer grafica con resa fotorealistica consentono allo spettatore di sospendere la propria incredulità per tutto il film” racconta nel catalogo Letteri “ciò che è stato possibile grazie a una serie di miglioramenti tecnologici e a un team di novecento persone sparse in 46 stati”.

Ma dentro la ricetta del FFF c’è molto di più che i semplici riflessi di Avatar. C’è un ricco programma di proiezioni, con ampio spazio dedicato al cinema 3D con The Hole di Joe Dante, le prime immagini di Toy Story 3 e l’anteprima  di 56 minuti del nuovo film della Dreamworks, Dragon Trainer di Dean Deblois e Chris Sanders, distribuito in Italia da Universal.
E poi un’altrettanto nutrita lista di workshop, nel corso dei quali i maestri del genere metteranno a disposizione di addetti ai lavori e appassionati le proprie competenze. Rob Chiu e Mischa Rozema realizzeranno ad esempio dei workshop dedicati alla Motion Graphics, cui si aggiungeranno panel di discussione e laboratori sulla stop-motion, in collaborazione con l’UK Council. Digital Video, infine, realizzerà un workshop speciale sul nuovo software StoryPlanner.

Inoltre, grazie ad un fortunato accidente del calendario, le date del FFF si incrociano quest’anno con quelle di ArteFiera – ArtFirst Bologna (29-31 gennaio). E questo ha permesso a molte iniziative del Festival di confluire nel programma della Fiera, dalla sezione ArteFiera OFF, come la personale di Stefano Ricci e di Ufo5, fino agli incontri della manifestazione dedicata all’arte contemporanea.

Tags:

- -

Autore:

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *