Cinquanta volte Plautus

 | 

Cinquanta volte Plautus


Tempo stimato di lettura: 1 minuto

E’ ormai un appuntamento fisso per gli appassionati di teatro antico. E anche quest’anno, con l’occasione della sua cinquantesima edizione, il Plautus Festival si presenta al pubblico con un programma di spettacoli ed eventi di tutto rispetto: nove rappresentazioni (tra cui due prime nazionali ed una prima mondiale), diversi protagonisti di levatura assoluta ad interpretarle, ed addirittura una “sorpresa” filatelica pensata apposta per l’occasione.

Insomma, anche quest’anno il Comune di Sarsina ha fatto un gran lavoro per onorare al meglio il proprio figlio più famoso, Tito Maccio Plauto. Saranno le opere principali del commediografo latino- il Miles Gloriosus, la Commedia dei Gemelli, una rivisitazione dello Stichus– a far da architrave per il cartellone, che prenderà il via il 17 Luglio e continuerà fino al 14 Agosto. Ma nella cornice della splendida arena plautina ci sarà spazio anche per una Medea– interpretata da Pamela Villoresi e David Sebasti- e diverse piéces moderne e contemporanee.

Inoltre, come detto, gli organizzatori e gli enti locali festeggeranno il cinquantennale del Festival anche con l’emissione di un francobollo celebrativo. L’esemplare, disponibile ancora a partire dal 17 Luglio, propone il busto di Ettore Paratore, affiancato ad altri due richiami: uno è il logo del Festival, un’antica maschera teatrale nella vignetta posizionata sulla destra; l’altro, che fa da sfondo, è il mosaico pavimentale policromo cosiddetto del “Trionfo di Dionisio”, databile agli inizi del III secolo d.C., conservato all’interno del Museo Archeologico Nazionale di Sarsina, tra i più importanti dell’Italia settentrionale. Insomma, quest’anno la festa non è solo per gli appassionati di teatro ma anche per i collezionisti di francobolli 😉

Autore:

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *