Ciaspolando con lentezza sull’Appennino Emiliano-Romagnolo!

 | 

Ciaspolando con lentezza sull’Appennino Emiliano-Romagnolo!


Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Freddo , gelo e neve, l’inverno in Appennino è spesso rigido e glaciale; e se c’è chi preferisce passare le proprie domeniche riposando davanti ad un caldo caminetto, c’è anche chi non si lascia scappare l’occasione di poter ammirare la natura invernale da una prospettiva diversa, con la calma e la tranquillità di una passeggiata.

Ciaspolare sulle vette del nostro Appennino offre infatti la possibilità di camminare nella natura anche quando sembra impossibile, e tutto è ricoperto di un gelido manto bianco.
Naturalmente bisogna essere “attrezzati” per passare molte ore a contatto con la neve e non bisogna essere “freddolosi”, ma i paesaggi e le sensazioni che offrono le passeggiate invernali nei boschi innevati valgono questo piccolo sacrificio… e poi state pur certi che passati i primi dieci minuti di camminata, al freddo non penserete neanche più!

 

Gli appuntamenti che vi segnaliamo qui oggi sono tutti in programma per questo weekend e hanno bisogno della prenotazione, quindi se avete intenzione di partecipare, non esitate a chiamare o a contattare gli uffici turistici preposti.

Sabato 26 gennaio a Prato Grande, nel Comune di Ferriere (PC) si svolgerà una ciaspolata notturna sotto la luna piena. Accompagnati da una guida che vi svelerà i segreti della natura di notte, la ciaspolata si addentrerà nei meandri dei boschi e della vallata, riservando momenti davvero speciali. Le escursioni sono a prenotazione obbligatoria ed, al momento, non è più possibile prenotare anche le ciaspole; ma niente paura! Sul sito di riferimento ci sono tutte le indicazioni per rivolgersi a negozi e noleggi convenzionati! 😉

Ciaspolate notturne si svolgeranno il 26 gennaio anche a Cerreto Alpi, Reggio Emila. Questa volta le guide vi porteranno sulle tracce del Lupo, animale a rischio estinzione che sta faticosamente ripopolando i nostri appennini. Al termine della passeggiata si rientrerà in rifugio, dove si potranno gustare piatti tipici locali come polenta con funghi e cinghiale, polenta di castagne, torte casalinghe e liquori ai frutti di bosco. Naturalmente chi lo desidererà si potrà fermare anche per dormire nelle strutture ricettive nelle vicinanze.

Se invece non vi volete perdere la bellissima vista del tramonto sugli appennini, allora non potete perdere la passeggiata che si svolgerà sempre sabato 26 gennaio sui sentieri del Parco dell’Appennino parmense. L’escursione questa volta verrà effettuata nel tardo pomeriggio con l’intento di ammirare il tramonto sul Monte Caio. Il rientro sarà al chiaro di Luna piena ed anche in questo caso vi sarà data la possibilità di cenare direttamente sul posto ad un prezzo convenzionato.

Avete bambini e volete passare una giornata all’insegna del gioco e del rispetto della natura? Allora la ciaspolata di Lizzano in Belvedere di domenica 27 gennaio è proprio ciò che fa per voi! la passeggiata si soffermerà sui segni della natura invernale e sulle tracce degli animali del bosco, un momento speciale per i bambini che potranno entrare in contatto con il parco in un ambiente giocoso e particolare.

Sempre in territorio parmense, precisamente a Bedonia, domenica 27 si effettuerà l’escursione in omaggio alla “Regina delle nevi”. Una passeggiata per escursionisti medi e affiatati con un buon dislivello che vi impegnerà per tutta la giornata. Sarà una domenica intera di cammino sulle cime del Monte Penna, costeggiando la Valle della Fonta, il Monte Curia e il Monte Chiodo, nei boschi sacri degli antichi celti liguri. Il pranzo sarà “al sacco”, quindi ricordate di portare con voi del cibo e,soprattutto, una borraccia piena di acqua.

L’ultimo appuntamento che vi segnaliamo è sempre per domenica 27 gennaio, ed è una escursione semplice con dislivello quasi tutto in discesa, per raggiungere le Sorgenti del fiume Savio a Verghereto, nella provincia di Forlì. E’ bene sapere che l’escursione si effettuerà anche senza neve ed avrà la durata di circa 3 ore. Insomma una domenica mattina da passare nella natura senza essere impegnati per l’intera giornata.

Noi per il momento ci fermiamo qui, gli appuntamenti sono tanti e non vorremmo intasare la vostra agenda. Solo qualche consiglio per chi si avventura per le prime volte in montagna.
Per il vestiario le guide consigliano scarponi da trekking o dopo-sci, ma non troppo ingombranti da non poter indossare le ciaspole, pantaloni impermeabili o ghette, una giacca invernale, una borraccia piena d’acqua, calzini di ricambio e il classico abbigliamento ” a cipolla”, comodo per gli sbalzi di temperatura montani! E se c’è il sole, non scordate la crema protettiva e un buon paio di occhiali!

Buona passeggiata

Autore:

Esploratore e Avventuriero: ama navigare gli oceani, scalare le montagne più alte e surfare sulle onde del web

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *