Bologna attraverso la macchina da presa, in 5 video

 | 

Bologna attraverso la macchina da presa, in 5 video


Tempo stimato di lettura: 1 minuto

La città di Bologna è sempre affascinante, con i suoi lunghi portici dai quali filtra la luce del sole, le stradine costeggiate di antichi palazzi, le piccole e grandi piazze, le torri che sbucano inaspettatamente dietro l’angolo.. sarà per questa magica atmosfera che si vive passeggiando per la città, che Bologna è stata più volte scelta come set cinematografico.
Alcuni dei più grandi registi italiani la hanno eletta per i loro film e spesso abbiamo sentito dire come la città diventi quasi un vero e proprio personaggio all’interno della storia, più che un semplice scenario di fondo.

Così oggi vogliamo fare una breve incursione nel mondo del cinema, per gustare qualche video che è appunto ambientato nella città dei portici..Da Pupi Avati a Guido Chiesa, Gabriele Salvatores, Renato De Maria..con una piccola “chicca” finale!

Photo Credits: “Columns in the sun” di @AgeirPedersen, via Flickr.

Iniziamo proprio da Pupi Avati, che a Bologna è nato ed ha ambientato molti dei suoi film, come Il cuore altroveMa quando arrivano le ragazze? e Il papà di Giovanna. Il video che abbiamo scelto però è tratto da Gli amici del Bar Margherita; il film ci porta nella Bologna del 1954 a osservare le vicende del gruppo di singolari frequentatori di questo tipico bar in Via Saragozza, e le peripezie del giovane Taddeo, che vuole testardamente entrare a farne parte..

Proseguiamo con Gabriele Salvatore, che in una Bologna contemporanea, vibrante e dark ha ambientato il film noir Quo vadis, baby?, tratto dal romanzo della bolognese Grazia Verasani; il video che segue ci spiega proprio dell’adattamento del romanzo al film e alla successiva miniserie omonima, realizzata da Guido Chiesa..

Rimaniamo con Guido Chiesa per un video tratto da Lavorare con lentezza, film sceneggiato dal regista torinese assieme al collettivo di scrittori bolognesi Wu Ming, che racconta, nella Bologna di fine anni ’70, la memorabile storia di Radio Alice, una delle prime e più note radio libere italiane..

Ancora la Bologna del ’77 per un video tratto ds Paz!, adattamento cinematografico dei fumetti del disegnatore Andrea Pazienza, diretto da Renato De Maria. Il film riporta le vicende di Pentothal, Zanardi e degli altri eccentrici personaggi di Paz, che si muovono nella Bologna della contestazione giovanile e del DAMS..

Ed ecco la sorpresa finale: un video realizzato montando spezzoni dei tanti film che hanno descritto Bologna con una particolare attenzione ai suoi portici..Buona visione!

Autore:

Social Media Manager per @inEmiliaRomagna e mamma a tempo pieno.
Amo viaggiare, sia fisicamente che con la fantasia, grazie a film e libri, e celebro ogni giorno con un sorriso.

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *