[Bike Emilia Romagna] 5 itinerari ciclabili nella provincia di Ferrara

 | 

[Bike Emilia Romagna] 5 itinerari ciclabili nella provincia di Ferrara


Tempo stimato di lettura: 3 minuti

Che Ferrara sia una città fantastica lo dice anche l’UNESCO.
Che i suoi dintorni riservino bellezze nascoste ve lo abbiamo già raccontato.
Ma che tutte e due queste cose si possano ammirare in una giornata di primavera dal sellino di una bicicletta, è una cosa che forse ancora non conoscete del tutto.

Si perché da Ferrara al mare, passando per le lagune del Delta del Po, esistono da tempo una serie di itinerari cicloturistici veramente particolari.
Avete mai avuto la sensazione di pedelare sull’acqua? Di galleggiare su una sottile linea di terra circondata dal blu degli specchi lacustri? Sembra quasi di navigare su una barca… solcando le calme lagune del fiume con la prua del proprio manubrio.

Noi oggi vi vorremmo raccontare di alcuni di questi paesaggi e di queste sensazioni; sopratutto quelli che ci hanno intrigato di più, oppure quelli che per valenza artistico-paesaggistica meritano di essere percorsi.

Tutti gli itinerari che vi proponiamo sono stati segnati, cartellonati e controllati da DeltaCiclando, l’associazione che si preoccupa di accompagnare gli interessati attraverso le strette vie che costituiscono il territorio ferrarese e comacchiese, un ambiente unico, con una lunga storia e un territorio in continua evoluzione.

Ecco allora i nostri 5 percorsi preferiti. Naturalmente sul sito di Deltaciclando ne troverete degli altri: alcuni più difficili, taluni più lunghi, ma sicuramente adatti a tutte le gambe ed età.

 

Itinerario 1 – Comacchio la Piccola Venezia

itinerario 1

Itinerario 1 – Comacchio la Piccola Venezia

Genere: storico – culturale

Si pedala per viuzze della piccola città lagunare tra ponti e canali, ammirando la bellezza di un piccolo centro che nasce e vive tra la terra e l’acqua.  Una piccola cittadina che l’orgoglio di una comunità è stata in grado di far sopravvivere ad una natura spesso dura e con un passato che si respira ancora fra le eleganti strade e i placidi canali. Fu un isola fino al 1821, epoca in cui venne costruito il terrapieno stradale che la collega ad Ostellato.

Di questa particolare città insulare Torquato Tasso scrisse nella “Gerusalemme Liberata“:

Come il pesce colà dove impaluda / ne i seni di Comacchio il nostro mare, / fugge da l’onda impetuosa e cruda / cercando in placide acque ove ripare, / e vien che da se stesso ei si rinchiuda / in palustre prigion né può tornare, / che quel serraglio è con mirabil uso / sempre a l’entrare aperto, a l’uscir chiuso.
(VII, 46)

Lunghezza totale: 6 Km
Tipo di percorso: principalmente asfaltato
Tempo indicativo: 2 –- 3 ore
Difficoltà: minima, adatto a qualsiasi età

 

Itinerario 2 – Le Valli di Comacchio, il regno dell’Anguilla

itinerario 2

Itinerario 2 – Le Valli di Comacchio, il regno dell’Anguilla

Genere: ambientale – culturale

L’organizzazione della pesca nelle Valli, la lavorazione e la trasformazione del pescato, il commercio, con tutte le attività connesse, hanno caratterizzato per secoli la vita sociale ed economica di Comacchio.
L’itinerario 2 vi propone una pedalata tra le Valli di Comacchio, tra bellezze ambientali e antiche strutture legate alla pesca dell’Anguilla. Casotti, vasche d’allevamento e opere d’ingegneria marinara faranno da sfondo all’itinerario, per un tour che vi trasporterà nella storia e nella tradizione popolare della zona comacchiese.

Lunghezza totale: 10 km
Tipo di percorso: asfaltato e sterrato
Tempo indicativo: 2 – 3 ore (comprese soste centri visita)
Difficoltà: minima

 

Itinerario 3 – Dalle Valli al Mare, scoprendo il territorio ferrrese

itinerario 3

Itinerario 3 – Dalle Valli al Mare, scoprendo il territorio ferrrese

Genere: ambientale – culturale

Ecco un itinerario per ciclisti non più alle prime armi. 20 Km che si snodano dagli argini vallivi fino alle spiagge di Lido Estensi. Un intero pomeriggio in bici scoprendo le attività che hanno caratterizzato il territorio, la pesca, la produzione di sale nelle saline e le attuali attività legate al turismo.

Lunghezza totale: 20 km
Tipo di percorso: asfaltato e sterrato
Tempo indicativo: 3 – 4 ore ( comprese visite e soste )
Difficoltà: media, adatto a chi è abituato a girare in bici

 

 

Itinerario 4 – Pedalando sull’acqua

itinerario 4

Itinerario 4 – Pedalando sull’acqua

Genere: ambientale – culturale

Sempre più difficile! Questo itinerario è quello che riassume più di tutti il territorio deltizio e le sue successive modificazioni nel corso dei secoli. Poco più di 40 Km da Lido di Volano a Porto Garibaldi e ritorno, attraverso pinete, riserve naturali, saline, la città di Comacchio e le aree interne.

Lunghezza totale: 45 Km
Tipo di percorso: asfaltato e sterrato
Tempo indicativo: 4-5 ore.
Difficoltà: media.

 

 

Itinerario 5 – Tra Natura e Storia

itinerario 5

Itinerario 5 – Tra Natura e Storia

Genere: ambientale – culturale

Ecco un itinerario suggestivo, nella parte nord del Parco del Delta del Po, tra verdi boschi e corsi d’acqua, dal fiume Po all’Abbazia di Pomposa.
Questo tour vi consentirà di entrare in pieno nella storia e nella natura della provincia ferrarese. 45 km che partono dall’Abbazia di Pomposa, fino al suggestivo Bosco della Mesola, uno degli ultimi e meglio conservati residui di bosco di pianura. Il bosco oggi è la più estesa area boscata della provincia ferrarese ed è visitabile anche e sopratutto in bicicletta.

Lunghezza totale: 45 km
Tipo di percorso: asfaltato e sterrato
Tempo indicativo: 4 – 5 ore ( comprese visite e soste )
Difficoltà: media-facile

 

Autore:

Esploratore e Avventuriero: ama navigare gli oceani, scalare le montagne più alte e surfare sulle onde del web

Un commento

  1. cortemadonnina

    la primavera è la stagione migliore per godersi il delta del Po! Pomposa in questo periodo è splendida e ci sta regalando dei tramonti indimenticabili!

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *