Altre idee di trasporto

 | 

Altre idee di trasporto


Tempo stimato di lettura: 1 minuto

Comincia il nuovo anno e tornano puntuali le limitazioni al traffico: gli autoveicoli vecchi restano in cantina e anche per quelli nuovi i paletti sono belli alti. Reazioni? C’è chi annuisce, c’è chi scarattera e anche chi se ne infischia, ma per tutti il problema è lo stesso: come mi sposto in (tra) città?

In Emilia Romagna abbiamo lavorato un bel po’ per rispondere a questa domanda, sia attraverso la salvaguardia dei servizi pubblici tradizionali che attraverso la promozione delle varie forme di trasporto meno inquinanti. Le etichette sono tante- mobilità sostenibile, ecotrasporto, mobilità alternativa- ma la sostanza è soltanto una: fornire a cittadini e visitatori modi per spostarsi senza per forza generare tonnellate di CO2.
Come lo abbiamo fatto in concreto? Beh, premettiamo che le linee di intervento sono diverse e noi non riusciremmo a descriverle tutte a modino (ma per questo c’è l’ottimo sito predisposto dal Servizio Mobilità e Trasporto Urbano della Regione). Ma in estrema sintesi gli interventi principali si realizzano lungo tre direzioni: incentivazione del car sharing, del bike sharing e del car pooling.

A cosa corrispondono queste simpatiche siglette? Beh, il car sharing (in italiano “auto condivisa“) non è altro che un modo per lasciare a casa- o al limite in concessionario- l’automobile privata e affittare un mezzo nel momento in cui se ne ha necessità. Le macchine in car sharing, che possono provenire da flotte pubbliche o private, sono disponibili 24 su 24 e possono essere ovviamente prenotate con l’anticipo desiderato. In regione sono già censite esperienze pubbliche di car sharing a Bologna, a Rimini, a Modena, a Parma, Reggio Emilia, a Forlì.

Per quel che riguarda il bike sharing, il concetto è esattamente lo stesso, solo che anziché quattro ruote se ne lasciano a casa due. A parte gli scherzi, gli affitti in bike sharing consentono di spostarsi con agio dentro le città in maniera complementare ai trasferimenti in treno, in autobus o dalle stesse automobili. L’affitto “volante” di biciclette pubbliche è possibile a Ferrara, Parma, Bologna, Ravenna, Modena, Forlì e Cesena, ma anche Carpi, Imola, Casalecchio di Reno, Lugo di Romagna, Piacenza, Rimini, Sassuolo, Formigine e Fiorano Modenese.

E poi il car pooling. In questo caso l’idea è quella di coordinarsi con altre persone che debbano compiere lo stesso tragitto, impiegando un solo automezzo per spostamenti urbani od extraurbani. L’obiettivo è quello consueto: diminuire il numero di mezzi circolanti, decongestionando le arterie cittadine e i polmoni di chi ci vive. Maggiori informazioni sul servizio- e d’altra parte anche su percorsi ciclabili, affitto di auto e bici, e sul nuovo progetto “Mi muovo“- possono essere reperite anche Mobiliter, il portale regionale dedicato alla mobilità e sul sito Liberiamo l’Aria.

Ah, dimenticavamo. Qui sotto abbiamo provato a rendere tutte le informazioni appena raccolte in una mappa Google. Speriamo sia di vostro gradimento e…buon viaggio!


Visualizza Trasporto Sostenibile in Emilia Romagna_Sustainable Transport in Emilia Romagna/ in una mappa di dimensioni maggiori

Autore:

2 commenti

  1. Daniele

    Salve!
    Per completezza di servizi, vi segnalo
    anche http://www.viaggiainsieme.it , portale di car pooling
    che ha un ottimo successo nella regione Marche!
    Sicuro, gratuito e garantito da diverse amministrazioni
    pubbliche e private.
    E’ il miglior sito di car pooling per la sicurezza!
    Trasparenza al 100%!

    1. Giovanni Arata

      Caro Daniele, grazie molte per la dritta. Provvediamo subito ad aggiornare il nostro database!
      Giovanni, Staff TER

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *