A spasso tra le meraviglie del Romanico

 | 

A spasso tra le meraviglie del Romanico


Tempo stimato di lettura: Meno di un minuto

romanicoA volerlo raffigurare per immagini si potrebbe pensare ad un lunghissimo filo rosso, che tesse tra loro oltre mille secoli di storia e paesi europei apparentemente lontani migliaia di chilometri. E si tratta peraltro di un filo robusto ed elegante, fatto di forme slanciate, cuspidi e volte come di più alte non riuscite ad immaginarne.
Stiamo parlando del filo dell’architettura romanica, che ha cominciato a diffondersi in Europa a partire dall’anno Mille lasciando le proprie tracce in ogni angolo del continente: dalla Castiglia alla Francia profonda, dalla Turingia fino alla Slovenia e la Serbia.

Perché raccontare questa storia? Perché anche se non lo ricordiamo mai abbastanza l’arte romanica ha lasciato testimonianze di valore inestimabile anche alle nostre latitudini. Basti pensare al Duomo di Modena ed alla Cattedrale di Ferrara, riconosciute entrambe patrimonio mondiale dell’UNESCO, e la stessa superba cattedrale di Parma, testimonianza scolpita della magnificienza romanica che si avvia verso il Gotico.

Da qualche anno questi ed altri capolavori del romanico emiliano trovano ulteriore risalto grazie al progetto europeo Transromanica, che propone una serie di itinerari storico- culturali nell’arte del periodo ed unisce in un network unico i capolavori di sette diversi paesi. Transromanica ha per obiettivo la promozione e la valorizzazione sostenibile di tale patrimonio, nell’auspicio l’auspicio che l’arte possa diventare una volta di più volano per lo sviluppo non solo economico ma anche culturale del territorio. E allora noi ci mettiamo volentieri in viaggio lungo le vie del Romanico. Venite?

Autore:

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *