A Piacenza torna il Festival del Diritto con tema “Le Disuguaglianze”

 | 

A Piacenza torna il Festival del Diritto con tema “Le Disuguaglianze”


Tempo stimato di lettura: 1 minuto

Questo weekend (23 – 26 settembre) a Piacenza si parlerà di Disuguaglianze in occasione del Festival del Diritto. Siamo alla terza edizione di questo festival di portata internazionale, che vede coinvolti illustri relatori e specialisti (principalmente giuristi ma anche filosofi, scienziati, sociologi).

Come scrive Stefano Rodotà, responsabile scientifico del Festival, nel discorso di presentazione “La storia dell’umanità è una storia di disuguaglianze. Per millenni, gli ordinamenti giuridici e politici si sono fondati su gerarchie ritenute immodificabili e, soprattutto, positive. È con la modernità che si afferma l’idea che gli uomini possano e debbano essere considerati sostanzialmente uguali, nei diritti e nelle libertà. Le disuguaglianze diventano così discriminazioni cui porre rimedio, innanzitutto attraverso il diritto” (leggi il discorso completo).

E le disuguaglianze attuali sono molte, dalle disparità sul fronte delle risorse alle disomogeneità tra le regioni italiane, dalle politiche socio-sanitarie agli effetti redistributivi dell’inflazione, dalla mobilità sociale al precariato. L’obiettivo del Festival sarà quello di indurre alla riflessione e alla comprensione di questi fenomeni sociali condivisi.

Ideato dall’Editore Laterza in collaborazione con il Sole24Ore e organizzato dal Comune di Piacenza con Laterza Agorà, il Festival si basa su riflessioni collettive, seminari, dibattiti. Vedi la lista dei protagonisti e dei luoghi.

Qualche esempio? Inaugurerà il Festival Giuliano Amato, con una conferenza sul tema “L’uguaglianza e la sfida delle differenze”. E poi Simonetta Agnello Hornby, Gianfranco Fini, Armando Spataro, Lucio Caracciolo, Marco Revelli, Shirin Ebadi, Kate Pickett, Giuseppe Tesauro, Stefano Rodotà, Gino Strada, Guido Barbujanni, Umberto Romagnoli; chiuderà la manifestazione  Zygmunt Bauman.

Il Festival non è però solo dedicato agli “addetti ai lavori”: in programma anche tante iniziative collaterali, come spettacoli, mostre e un progetto dedicato alle scuole.

Qui il sito ufficiale del Festival, con possibilità di creare un proprio programma personalizzato scegliendo tra gli eventi in agenda. Alcuni eventi del Festival saranno anche trasmessi in streaming.

Tags:

-

Autore:

Social Media Manager per @inEmiliaRomagna e mamma a tempo pieno.
Amo viaggiare, sia fisicamente che con la fantasia, grazie a film e libri, e celebro ogni giorno con un sorriso.

Un commento

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *