Ravenna + Unesco, un amore lungo vent’anni

 | 

Ravenna + Unesco, un amore lungo vent’anni


Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Il 7 dicembre, ovvero domani, Ravenna festeggia il ventesimo anniversario dell’inserimento di alcuni dei suoi monumenti nella Lista del Patrimonio dell’Umanità. Vent’anni fa, infatti, precisamente il 7 dicembre 1996, l’Assemblea del Centro del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO si radunò e dopo un consiglio “segreto” sancì che gli edifici paleocristiani e bizantini della città e i loro mosaici fossero talmente importanti per la storia della cultura europea da dover essere onorati con questo considerevole riconoscimento.

Da quel momento la basilica di San Vitale, il mausoleo di Galla Placidia, il battistero degli Ariani e quello degli Ortodossi, la basilica di Sant’Apollinare Nuovo e di Classe, la cappella di Sant’Andrea e il mausoleo di Teoderico non furono più patrimonio della sola Ravenna, ma dell’Umanità intera e delle future generazioni.

Ravenna

Gli otto monumenti Unesco di Ravenna

Vivendo a Ravenna da sedici anni, la cosa non può non piacermi.
Primo: avendo studiato archeologia all’Università, quando si parla di storia, di Antichità, di reperti e, in questo caso, di mosaici, mi sembra di entrare in una sorta di paradiso terrestre.
Secondo: non posso tralasciare la vena romantica che scorre dentro me – ben nascosta, certo! chi mi conosce lo sa – ma quando mi trovo davanti a una bella storia d’amore come questa, gli occhi prendono la forma di due piccoli cuori.
Terzo: quando si parla di anniversari significa che nell’aria c’è una ricorrenza, e quando c’è una ricorrenza c’è una festa o magari più feste. D’altronde, si sa, sono così gli anniversari!

E sembra che lo sappiano bene anche a Ravenna visto che, da mercoledì a domenica 11 dicembre, un nutrito programma di visite guidate, concerti e intrattenimenti musicali faranno da cornice a questa fantastica ricorrenza.

Ad aprire le danze sarà una lectio magistralis tenuta dal prof. Giuliano Volpe che, al piano nobile del seicentesco Palazzo Rasponi dalle Teste, mercoledì pomeriggio offrirà un’occasione unica per riflettere insieme sul ricco Patrimonio Culturale Italiano, accompagnandoci per mano tre le bellezze storiche e artistiche del nostro Paese.

Nei giorni successivi i monumenti diventeranno, invece, i veri protagonisti. Dalle visite guidate gratuite condotte dai Giovani volontari del FAI in programma giovedì 8 dicembre a quelle condotte dal Gruppo Pietre Vive e da guide professioniste locali, anch’esse libere. I monumenti saranno animati dalle note di gruppi vocali e si trasformeranno in luoghi caldi e accoglienti grazie a “improvvisate” invasioni musicali.

Ravenna

Basilica di San Vitale, Particolare dei mosaici (VI sec. d.C.)

…E poi non dimentichiamo l’arrivo delle Feste e le tante iniziative in programma che arricchiranno il Ponte dell’Immacolata fino all’accensione, sabato pomeriggio alle 17.30, del grande albero di Natale nella centralissima Piazza del Popolo.

Insomma, da domani Ravenna si farà ancora più bella e offrirà a cittadini e turisti la possibilità di riscoprire e/o conoscere per la prima volta i tesori storici e artistici che ha gelosamente conservato per tutti questi secoli.

Sarà un anniversario importante, di quelli imperdibili. D’altronde, come dice sempre la mia cara nonna, gli anniversari vanno festeggiati: sono sempre una bellissima occasione per stare insieme!

Autore:

Davide Marino was born archaeologist but ended up doing other things. Rational – but not methodic, slow – but passionate. A young enthusiast with grey hair.

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *