[ParlamiditER #213] Diverdeinverde: giardini aperti della città e della collina

 | 

[ParlamiditER #213] Diverdeinverde: giardini aperti della città e della collina


Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Parlami di tER è una serie di racconti dall’Emilia-Romagna. Sono sguardi d’autore gettati sulla regione da donne e uomini che son nati, vivono o semplicemente si sono innamorati di questa singolare, bellissima, terra con l’anima. Se anche tu vuoi raccontare l’Emilia-Romagna che si vede dalla tua finestra sei benvenuto. Basta una mail a <turismoemiliaromagna[at]gmail.com> o un commento qui sotto!


Il risultato più bello e importante di Diverdeinverde è vedere le persone contente, con il sorriso sulle labbra, che girano per le strade del centro di Bologna con la cartina in mano alla caccia dei tesori nascosti. I tesori sono i giardini privati del centro storico di Bologna, spesso segreti in quanto non visibili e spesso neanche immaginabili da fuori, che vengono aperti alla visita del pubblico una sola volta all’anno, nel penultimo fine settimana di maggio (19-21 maggio 2017).

I visitatori entrano ed escono dai tanti cancelli e portoni aperti per loro, si fermano a parlare tra sconosciuti scambiandosi informazioni e gentilezze, capita anche che aspettino in fila, senza spazientirsi. Sono queste scene, comuni nei fine settimana della manifestazione, che ci dicono che Diverdeinverde era necessario e per noi organizzatori è la soddisfazione più grande.

È dal 2014 che a maggio Diverdeinverde, organizzato dalla Fondazione Villa Ghigi, apre i giardini privati alla visita del pubblico: quelli dei palazzi importanti, quelli più piccoli e familiari delle case una volta popolari del centro, le grandi aree verdi ex-conventuali ancora rimaste riconoscibili dentro le mura, i parchi delle ville in collina e in pianura, i giardini moderni che si trovano più facilmente fuori porta.
Andare a scoprire i giardini nascosti permette di entrare nella città sotto una prospettiva diversa da quella abituale, di riconoscere e apprezzare elementi architettonici forse noti, ma visti da una prospettiva diversa, di capire le trasformazioni urbanistiche avvenute nella città nei secoli.
Il turista che non conosce Bologna e coglie l’occasione di Diverdeinverde per visitarla può godere di momenti speciali: viene accolto dalla città nei suoi spazi privati, si sente ospite gradito, cerca il giardino ma si imbatte nella chiesa o nel monumento importante quasi per caso, a sorpresa. Perlomeno, questo è quanto alcuni turisti stranieri ci hanno raccontato.
Insomma, sono stati in tanti, in questi anni, a dirci che si tratta di un’occasione eccezionale, una specie di magia che crediamo valga la pena non lasciarsi scappare.

Per visitare i 48 giardini aperti in questa quarta edizione basta acquistare una tessera (nominale) che al costo di 10/12 euro permette di girare tutti i giardini nei tre giorni dell’evento (orari e biglietti). È consigliabile programmare l’itinerario, o perlomeno scegliere in che zona della città concentrarsi, e quindi partire dotandosi di scarpe comode. Utile anche un ombrello, in caso di pioggia, o un cappello per ripararsi dal sole: i giardini sono aperti con qualsiasi tempo!

I giardini sono pronti per accoglierci, sappiamo dai proprietari che sono stati particolarmente curati e messi in ordine proprio per noi. Pensiamo che aprire il proprio verde privato sia un gesto di particolare civiltà e generosità, che coniuga senso dell’ospitalità, legittimo orgoglio e, molto spesso, autentica passione per il verde.
Per conoscere le attività della Fondazione Villa Ghigi: fondazionevillaghigi.it

Autore:

Potrei definirmi una “tessitrice”: metto insieme i tanti dettagli necessari per realizzare una manifestazione, scrivo storie con innumerevoli fili. Sono la coordinatrice di Diverdeinverde per la Fondazione Villa Ghigi.

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *