[Parlami di tER #185] L’Emilia Romagna in una settimana

 | 

[Parlami di tER #185] L’Emilia Romagna in una settimana


Tempo stimato di lettura: 9 minuti

Parlami di tER è una serie di racconti dall’Emilia-Romagna. Sono sguardi d’autore gettati sulla regione da persone che son natie, vivono o semplicemente si sono innamorate di questa singolare, bellissima, terra con l’anima.
Se anche tu vuoi raccontare l’Emilia-Romagna che si vede dalla tua finestra sei benvenuto. Basta una mail a inemiliaromagna@aptservizi.com o un commento qui sotto!


clelia_1

clelia_2
Per coloro che non mi conoscono io sono una ragazza italiana e mi considero per questo molto fortunata. Come potrei non esserlo? Il mio è uno dei paesi più belli al mondo (orgoglio italiano)

Ho un’indole nomade ma il mio motto è sempre stato: conosci prima il tuo percorso, poi sarai pronto a conquistare il mondo. E questo è esattamente ciò che ho fatto

Ciò che mi ha lasciato stupita in questi anni trascorsi a scoprire il mio stesso pese è stato proprio…

Il perché l’Emilia Romagna è così poco conosciuta, specialmente da parte degli stranieri?

Sono stata abbastanza fortunata di visitare la regione quando avevo 20 anni e mio fratello abitava in un piccolo paese chiamato Loiano, situato su una delle tante colline sovrastanti Bologna. Sin dalla prima visita ho desiderato tornarci!

Quando ho scoperto del progetto Blogville ho immediatamente chiesto di partecipare per l’Emilia Romagna.

Una piccola menzione sul progetto: ci è stato offerto uno splendido appartamento nel centro di Bologna, affacciato su piazza maggiore e siamo stati liberi di scegliere quale zona dell’Emilia Romagna visitare. Intendo: senza restrizioni o schemi da seguire. Inutile a dirsi quanto ero entusiasta!

Questo perché se voi chiederete ad altri viaggiatori, dove sono stati in Italia , o dove hanno intenzione di andare (perché prima o poi chiunque vorrà visitare l’Italia), la solita risposta sarà:

Roma (la amo con tutto il cuore, ma ragazzi non fermatevi solo a quella!), Venezia (sinceri? Sopravvalutata secondo me, mi dispiace per gli amanti della città) , Firenze/Toscana (bellissima di certo, una delle mie preferite insieme all’Emilia Romagna per quel che riguarda il nord Italia), Milano (non nelle mie corde, deve avere il suo appeal per molti, ma non per me. Niente di personale).

clelia_3

Natura in Emilia Romagna: qui siamo a Lago Santo

Probabilmente i più avventurosi di voi visiteranno le Cinque Terre, Napoli e la Costa Amalfitana, le splendide isole di Sicilia e Sardegna, ma perché così poche persone metteranno nella loro lista l’Emilia Romagna, perché?

Essendo italiana, conoscendo il 98% delle regioni sarei davvero contenta nel vedere più persone visitare l’Emilia Romagna, e non solo Bologna, che è di certo bellissima, ma non è tutto quello che la regione ha da offrire.

Ora vorrei raccontarvi di 4 esperienze incredibile che potrete vivere in Emilia Romagna per le quali vi basterà anche solo una settimana di permanenza!

———————————–

QUATTRO COSE DA NON MANCARE IN EMILIA ROMAGNA

 I suggerimenti qui sotto sono basati sulla mia esperienza personale durante la settimana in Emilia- Romagna. Una settimana indimenticabile, piena di sorprese, avventure e cibo di qualità.

clelia_41| PERDERSI A PIEDI E COL BUS A BOLOGNA

Ok, ho detto che l’Emilia Romagna non è solo Bologna, ma una visita presso il capoluogo è obbligatoria, perchè allora non vederne di più dei semplici punti turistici e spingerci un po’ oltre alla zona più affollata?

Il mio consiglio è di prendersi 2 o 3 giorni per visitare Bologna. Il centro è facile da girare a piedi e avrete modo di visitare così le principali attrazioni.

Dopo che avrete ammirato piazza Maggiore, le torri, le logge e le piccole strade che compongono il centro sarete allora pronti: semplicemente perdendovi!

Non preoccupatevi, Bologna è una città sicura, portatevi giusto una mappa con voi, giusto nel caso dobbiate chiedere a qualcuno dove diavolo siete finiti,  ma basta un biglietto del bus giornaliero e potrete tornare dove vogliate. Rimarrete sorpresi dalle cose che scoprirete in questo modo!

Sono partita inizialmente a piedi, sgattaiolando tra le piccole vie con decine di logge e piccoli negozi (chiamate “botteghe”, vendenti prosciutti,pane e altri prodotti tipici della regione).

clelia_5

Ho iniziato il mio viaggio dalla centrale Piazza Maggiore, dove i bambini si stavano divertendo con l”uomo delle bolle’

Poi ho visto il bus n°30, e ho deciso di prenderlo. L’eccitazione di non sapere dove si stia andando o di cosa si potrà vedere fa parte del gioco. Sembra quasi di tornare all’infanzia quando ancora tutto era da scoprire!

CONSIGLI PER SMARRIRSI IN SICUREZZA

  • Sali sul bus: non importa se non cogli tutto ciò che ti circonda , a volte la bellezza va semplicemente ammirata e non esaminata. Se sei ancora curioso, puoi sempre fare una foto e cercarne il contenuto su internet, nel frattempo goditi il viaggio!
  • Siediti di fianco al conducente: possibilmente alla sua destra, scoprirai quanto egli possa essere simpatico e amichevole nonostante il terribile traffico della città!
  • Porta con te una mappa: tu potresti voler sapere quale bus porterà all’attrazione di Bologna che più desideri vedere. E a seguire ecco dove sono capitata io!

PIAZZA SAN GIOVANNI IN BOSCO

Punto panoramico

Senza conoscerlo mi son ritrovata a salire con il bus su una collina, passando attraverso splendide ville circondate da aree verdi e zone residenziali

Il bus si è fermato in un grande spazio dal quale si poteva ammirare la città notando la Chiesa di San Giovanni In Bosco.

La vista è bellissima, si può vedere Bologna dalle colline anche se il bus passa di lì senza fermarsi. La quiete è surreale, ero praticamente sola ad osservare la bellezza di Bologna dalle colline.

GIARDINI MARGHERITA

Giardini Margherita

Sulla via di ritorno sempre con lo stesso bus, il magico n°30, mi sono fermata ai Giardini Margherita, un grande parco dove i bolognesi fanno sport, portano i loro figli a divertirsi o semplicemente prendono il sole!

Vi si può passare il pomeriggio girando per il parco, ammirando le tartarughe acquatiche e le anatre, o semplicemente rilassandosi sull’erba. Altamente raccomandato.

———————————–

clelia_92| SCOPRIRE LA BELLEZZA DEGLI APPENNINI

Se qualcuno mi chiedesse il nome di qualche luogo da visitare obbligatoriamente  in Emilia Romagna, non avrei dubbio alcuno: visitare il Parco Del Frignano e i suoi splendidi laghi: Lago Baccio e Lago Santo!

Ho organizzato una visita di un giorni nel parco insieme a Trekking Italia e la dolce guida Riccardo Solmi, che mi ha mostrato una delle località più belle d’Emilia Romagna.

Questi due laghi sono (incredibilmente!) non turistici, e mi sono ritrovata quindi immersa nella natura.

Circondata da scenari bellissimi, seduta sull’erba di fronte ai laghi e incontrando gli occasionali escursionisti di ritorno dalle montagne.

CONSIGLI PER UN ESPERIENZA MEMORABILE

  • Andarci con una guida esperta: è importante averne una a disposizione a meno che tu non sappia dove ti stai recando, in caso contrario meglio non perdersi!
  • Prepararsi un pranzo al sacco in un negozietto locale: non portarti il cibo da casa ma prova un gustosissimo panino locale al prosciutto o alla coppa. Fa parte anch’esso dell’esperienza
  • Portarsi qualcosa di caldo (e asciutto): nonostante fosse Giugno nelle montagne fa sempre un pò freddo. Ci siamo imbattuti in una tempesta nella via del ritorno dal primo lago ed ero completamente zuppa. Fortunatamente la guida aveva una t-shirt di ricambio asciutta!

clelia_12

L’esperienza è stata veramente divertente! Da soli in quel luogo, la tempesta, e io che invece di salvare la mia preziosa macchina fotografica… cercavo di salvare i panini al salame! Proprio cosi! Il cibo in Emilia Romagna è così buono che anche durante la tempesta il mio unico pensiero è stato quello di salvare il mio pranzo dalla pioggia.

Dimenticandomi quasi completamente del mio equipaggiamento fotografico molto costoso. Questo è quello che io chiamo un vero miracolo.

———————————-

3| GODERSI UN CENTRO TERMALE

Fiabe d’inverno. La #PicOfTheDay #turismoer di oggi ammira il panorama incantato che circonda la Rocca di #Brisighella. Complimenti e grazie a @lunaticamenteluna / Winter fairytales. Today’s #PicOfTheDay #turismoer admires the enchanting landscape that surrounds #Brisighella Fortress. Congrats and thanks to @lunaticamentelunaclelia_vasca

L’Emilia Romagna è famosa per il potere curativo delle sue acque sulfuree e non ci stupisce la grande presenza di Spa e centri termali sul territorio.

Gli abitanti del luogo curano abitualmente i propri malanni alle vie respiratorie in questi luoghi, o semplicemente vi trascorrono una giornata o un fine settimana di relax.

Il primo giorno nella casa in Emilia Romagna ho subito sfogliato i tanti volantini che mi aveva lasciato lo staff di Blogville.

Un pò me ne vergogno ma sono corsa fuori subito dopo aver visto quello riguardo al trascorrere due giorni in un centro termale senza nemmeno dare un occhiata agli altri! Tutti sanno quanto io ami le spa.

Ho parlato della mia passione per i centri benessere nel mio post sullo Sri Lanka per cui quando ho scoperto che l’Emilia Romagna  aveva una vasta scelta mi è sembrato di essere a Disneyland!

Dopo un’ ora passata ad osservare le immagini delle guide ho deciso di andare alle Terme della Salvarola, a solo un’ora di treno da Bologna.

L’esperienza è stata fantastica e non potrei consigliarvi questo posto mai abbastanza. Unico problema: andarsene! Mi sarebbe piaciuto trascorrervi un’intera settimana! Dopo solo un giorno passato alle terme mi sono sentita molto rilassata per cui credo che una settimana mi avrebbe trasformato in Yoda. Seriamente!

RIPORTO ALCUNE MERAVIGLIOSE ESPERIENZE PROVATE

IL BAGNO NEL SUCCO DI CILIEGIA!!

Ok parto con la mia preferita in assoluto. Ho fatto un bagno super rilassante in una piccola stanza proprio all’interno di un vero tino per il vino!

Ci sono tre piscine alle Terme della Salvarola e si devono provare tutte tre di seguito in quanto, con diverse temperature ciascuna, favoriscono una migliore circolazione sanguigna.

IL MASSAGGIO CON LE CILIEGIE

Presso le Terme di Salvarola c’è un amplia scelta di massaggi disponibili e per me è stato molto difficile decidere quale scegliere! Avendo provato il bagno alla ciliegia ho deciso di associarvi anche il massaggio.

In una sola parola? Paradisiaco!

La massaggiatrice mi ha ricoperto con una speciale mistura bianca profumata al cui interno vi erano proprio ciliegie. Mi sono addormentata durante il massaggio tanto rilassante!

Sfortunatamente tutte le cose belle hanno una fine. La giornata era giunta al termine e mi sono recata quindi a prendere il treno di ritorno per Bologna tanto triste dal dover abbandonare quel paradiso.

Di una cosa sono però sicura al 100%: quando tornerò in Emilia Romagna prenoterò un fine settimana alle terme di Salvarola. Nessun dubbio a riguardo!

Per cui non ve lo raccomando..è proprio un obbligo!

———————————–

clelia_sanvitale

4| CHIEDERE AD UNO DEL LUOGO DI FARVI DA GUIDA PER RAVENNA

L’Emilia Romagna ha una infinità di città da esplorare ma dal momento in cui dovevo deciderne una o al massimo due, ho deciso di andare a Ravenna , la capitale dell’Impero Romano d’Occidente, di re Teodorico dei Goti e dell’Impero Bizantino in Europa.

Ravenna è una delle più importanti città d’Europa per quel che riguarda i mosaici antichi. I suoi muri conservano un ricco patrimonio tale da render la città un patrimonio stesso.

A Ravenna ci sono scuole  e laboratori dove imparare questa arte ed io ne ho visitata uno. Uno speciale a dire il vero, dove Luca Barberini un artista internazionale, crea mosaici di arte contemporanea, utilizzando però le tecniche arcaiche tradizionali.

Ho passato alcune ore nel laboratorio di Koko mosaico, dove mi hanno spiegato come creano questi pezzi d’arte, consentendomi di fare loro alcune foto durante il processo di produzione artistica. E’ stata per me la prima volta che vedevo un tale spettacolo, imperdibile!

Quando è terminata la mia visita presso il laboratorio ho incontrato questi uomini super simpatici seduti su di una panchina, che continuavano ad insistere nel farmi da guida per Ravenna!

Abbiamo pranzato molto bene e mi hanno poi mostrato cosa non potevo perdere nella città, individuando per me i punti più importanti. Nella foto a seguito mostrerò le mie guide, così carine e gentili!

clelia_umarells


SANT’APOLLINARE NUOVO

Insieme ad altri monumenti antichi di Ravenna è stato inserito nel 1995 nella lista dei patrimoni dell’umanità UNESCO.

MAUSOLEO DI GALLA PLACIDIA

Insieme ad altri 7 monumenti di Ravenna è stato inserito nel 1996 nella lista di patrimoni UNESCO. E’ il monumento con i mosaici meglio conservati.

TOMBA DI DANTE

La tomba di Dante si trova posizionata nel cimitero della chiesa a fianco al muro del monastero dei Francescani di Ravenna.

BASILICA DI SAN VITALE

La basilica di San vitale è uno dei più importanti esempi di arte e architettura Cristiana Bizantina di tutta Europa.

———————————–

clelia_piada

UNA CONFESSIONE FINALE: IL CIBO!

Se siete nuovi nel mio sito, visitate la sezione FAQ e troverete l’ultima in cui spiego “perchè non parlo di cibo nel mio blog”.

Bene signore e signori…saprete tutti che il cibo italiano è il migliore al mondo, è la verità, non è vero?

Sono italiana e conosco bene il cibo italiano ma gente….il cibo dell’Emilia Romagna è il migliore!

Questo significa che se qualcuno mi conosce sa che sono sempre riluttante nel parlare di cibo, ma voglio infrangere le regole!

Ho fatto una scoperta che ha cambiato per sempre il mio mondo gastronomico. Ho provato l’Aceto Balsamico migliore al mondo. Accompagnato da scaglie di Parmigiano Reggiano. Credetemi quando vi dico che questa combinazione è divina. Dovete provarla!

Segnatevelo, non ve ne pentirete. Il suo nome è: Aceto Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia. Potrete averne i dettagli direttamente dal sito ufficiale, peccato però che questo non possa farvene provare il sapore.

clelia_balsamico

Posso andare oltre nella parte sul cibo? Cosa ne dite di Tortellini, Prosciutto di Parma, le famose Piadine, e il Ragù alla Bolognese conosciuti in tutto il mondo? Potrei andare oltre all’infinito.

L’Emilia Romagna è la terra del cibo sublime! Tanto delizioso che mi viene l’acquolina in bocca solo parlandone.


Clelia Mattana
è una ragazza con molto humour nata nella bella isola di Sardegna. Dopo molti cambiamenti, a 35 anni ha deciso di vivere viaggiando. E’ stata ospite di BlogVille 2015. Il post tradotto sopra è stato pubblicato originariamente sul suo blog qui.

Autore:

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *