La Biblioteca Comunale di Arata Isozaki e Andrea Maffei a Maranello

 | 

La Biblioteca Comunale di Arata Isozaki e Andrea Maffei a Maranello


Tempo stimato di lettura: 1 minuto

Sempre in cerca di tesori nascosti da farvi vedere, questa settimana siamo andati nel Comune di Maranello, vicino Modena, per visitare una struttura davvero particolare. Stiamo parlando della Biblioteca Comunale di Maranello (anche detta MABIC) , un’opera realizzata in parte con finanziamenti pubblici, progettata dal famoso architetto giapponese Arata Isozaki in partecipazione con Andrea Maffei.

La Biblioteca di Maranello, inaugurata nel novembre del 2011 dopo 4 anni di gestazione, è un edificio davvero singolare, ed è uno di quegli esempi in cui vivere e abitare uno spazio può essere un esperienza bella e stimolante. Innanzitutto la struttura è un intervento che non stravolge il contesto in cui è inserito, ma di pone in rapporto organico  con un quartiere già da tempo abitato e consolidato. Gli architetti infatti hanno voluto mantenere le vecchie mura perimetrali creando cosi un filo di continuità temporale che unisce i nuovi volumi all’interno delle vecchie mura perimetrali.

Avvicinandosi all’edificio dall’esterno poi non si può non notare la sua sinuosità e totale trasparenza.  Le pareti interamente di vetro abbattono qualsiasi separazione rendendo la struttura leggera e permeabile alle variazioni e ai mutamenti  della luce esterna. All’interno della biblioteca sono situati l’archivio storico comunale, le aree di consultazione e deposito del patrimonio librario, l’emeroteca, la fonoteca e videoteca, la ludoteca, la sala polivalente, la sala studio, la sala per esposizioni o allestimenti temporanei.

Mentre camminiamo dentro ai volumi della Biblioteca non sembra più di essere in quella struttura trasparente che avevamo visto dall’esterno, il bianco assoluto del pavimento in resina e degli arredi, infatti, ora brilla del verde esterno riflesso attraverso la parete/vetrata, che corre lungo la forma curvilinea. La luce che pervade l’openspace della Biblioteca diviene un bellissimo gioco di riflessi che rimbalzano dagli elementi bianchi degli arredi, del pavimento e delle strutture, all’acqua e alle vetrate  trasparenti. Se non ci fossero che pochi metri a separaci dalla strada giureremmo di trovarci in un luogo in cui colori, ombre e riflessi giocano ad isolarci dall’ambiente circostante.

Infine particolare attenzione è stata risposta al risparmio energetico, con l’utilizzo di un impianto geotermico per il riscaldamento invernale il raffreddamento estivo, ed un impianto di illuminazione interamente a led.

Per quanto ci riguarda noi vi consigliamo di andare anche solo a dare una occhiata alla Biblioteca Comunale di Maranello perché è uno dei rari esempi in cui funzione pubblica, esigenze degli ospiti, sostenibilità e bellezza riescono a convivere armonicamente in un unico edificio.

 

Per maggior informazioni riguardo il MABIC – MAranello BIblioteca Cultura:

biblio.maranello@cedoc.mo.it – http://www.comune.maranello.mo.it/

 

Di seguito il set fotografico di Maranello Tursimo sul MABIC

 

Ringraziamo per la gentile concessione delle foto lo studio Arata Isozaki & Andrea Maffei Associati e  Oscar Ferrari   (e dato che ci siamo, vi consigliamo di dare una occhiata anche alla sua bellissima galleria di immagini del MABIC)

Autore:

Esploratore e Avventuriero: ama navigare gli oceani, scalare le montagne più alte e surfare sulle onde del web

2 commenti

  1. oscar

    in quanto autore delle foto chiedo che venga citato foto oscar ferrari grazie.

    1. Walter Manni

      Ciao Oscar,
      ci scusiamo per non aver inserito i Credits alle foto, di solito non è una nostra abitudine, e siamo subito intervenuti per correggere la dimenticanza.
      Avendo trovato la foto sul sito di Maranello Turismo ed essendo uguali a quelle contenute nell’account Flickr dello stesso Ente, abbiamo erroneamente pensato di poter condividere liberamente le immagini.
      Ti ringraziamo per la tua segnalazione e ci scusiamo ancora per la grave disattenzione.

      Grazie
      Walter, Staff TER

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *