Salto nella musica: il Beaches Brew Festival

 | 

Salto nella musica: il Beaches Brew Festival


Tempo stimato di lettura: 1 minuto

Quando l’estate si avvicina e i primi caldi cominciano a farsi sentire, la musica torna di gran lena a far udire la sua voce: dai teatri e i locali al chiuso si sposta in zone all’aperto, montando palchi in aree come parchi e piazze. La voglia di divertirsi cresce, come quella di stare con i propri amici e condividere con loro un’esperienza unica.

Da alcuni anni c’è una spiaggia a Marina di Ravenna che risponde appieno a queste esigenze. In poco tempo è diventata meta per molti appassionati di musica alternativa e indipendente: un ambiente rilassato, dove crogiolarsi al sole dell’estate, bere un’ottima birra ma soprattutto vivere l’atmosfera magica di un festival musicale con pochi eguali in Europa.

Io, che nelle scelte della vita mi sono sempre fatto guidare dalla musica, ho deciso di portarvi proprio qui, sulle spiagge di Ravenna, e raccontarvi perché il Beaches Brew Festival (4 – 7 giugno 2018) è un’occasione assolutamente da vivere, senza se e senza ma.

  1. La MUSICA. Poche storie: due palchi, chitarre che vibrano, rullanti che battono e voci che graffiano i microfoni. Una line-up chiara e decisa che trasporta quella potenza sonora di divertimento che si respira in festival internazionali come il Primavera Sound di Barcellona, ma in scala minore direttamente sulle coste dell’Emilia-Romagna.
  2. Il gusto della SCOPERTA. Vada per i tradizionali gruppi rock ma il Beaches Brew ha una marcia in più. È un festival che punta sulla musica alternativa, vagliando anche l’ambito della ricerca e della sperimentazione. Vi capiterà di ascoltare cantanti o generi provenienti da ogni angolo del mondo. Il mio consiglio? Drizzate le orecchie!
    Beaches Brew Festival 2018Beaches Brew Festival 2018
  3. È un festival in SPIAGGIA. Via le scarpe e infilate i piedi nella sabbia. Alle spalle il verde della pineta, di fronte il blu del mare. Nessun compromesso in cemento. Di giorno si sta sdraiati al sole, ascoltando i soundcheck o gli ospiti musicali intervistati due ombrelloni più avanti. Di sera, invece, si sgomita sotto il palco e si balla fino a notte fonda trasportati da djset internazionali.
  4. È GRATIS! Tutto, tranne il bere e il mangiare – quelli ovviamente, no – ma il divertimento e la voglia di stare bene, quella, è libera e sacrosanta. Persone di ogni genere ed età socializzano. Gli stress da grandi concerti, come le file interminabili, sono un pensiero lontano. Tutti sorridono e si divertono, si godono la vacanza, la musica e il mare.

La chiave del successo sta proprio qui, ed è qui anche la sua serendipity: pensi di andare a un festival come tanti e invece ti ritrovi a una bella festa in spiaggia. Attorno hai tanti amici, il cibo è ottimo, il bere fantastico, la musica perfetta. Ti senti bene perché ti senti a casa.


Scoprite il programma del festival su: www.beachesbrew.com

Beaches Brew Festival | Foto © Francesca Sara Cauli

Beaches Brew Festival | Foto © Francesca Sara Cauli

Autore:

Davide Marino nasce come archeologo ma finisce per fare altro. Razionale ma non metodico, lento e appassionato. Un giovane entusiasta dai capelli grigi

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *