Archeologia Industriale in Emilia Romagna

 | 

Archeologia Industriale in Emilia Romagna


Tempo stimato di lettura: 1 minuto

Avete mai sentito parlare di archeologia industriale?

Molti di voi probabilmente non sanno neanche di cosa si tratta ma vi assicuro che alla fine di quest’articolo avrete voglia di saperne di più. Partiamo delle origini.
Dopo la fine della seconda guerra mondiale molte nazioni europee si ritrovarono a ricostruire gran parte delle loro città. Fu normale, quindi, che l’attenzione cadesse su quel ricco patrimonio che era stato costruito durante la Rivoluzione Industriale e che, in qualche modo, doveva essere recuperato. Discipline come l’architettura, la sociologia, l’urbanistica, la tecnologia e la storia dell’arte furono chiamate a collaborare per attuare un ottimale recupero della storia recente dell’uomo.

Antico zuccherificio Eridania | Forlì

Antico zuccherificio Eridania | Forlì

In Italia l’Emilia Romagna fu una delle prime regioni ad avviare un censimento del proprio patrimonio industriale: un lungo lavoro che ancora oggi continua e che potete consultare sulla banca dati online dell’IBC.

Accanto a importanti azioni di catalogazione come questa, recentemente si sono sviluppati ulteriori progetti per promuovere, valorizzare e sensibilizzare l’opinione pubblica sul Patrimonio Industriale esistente: nuove chances date a queste strutture per raccontare la loro storia e al contempo una possibilità data a noi per conoscere il territorio sociale, culturale e industriale in cui viviamo.

Il progetto SAVE INDUSTRIAL HERITAGE è uno di questi. Si tratta di un’associazione culturale nata con l’obiettivo di promuove il Patrimonio Industriale italiano ed estero su vari livelli, favorendo al contempo percorsi di turismo industriale. Cercateli su Instagram e consultate il loro sito: troverete iniziative e informazioni molto interessanti.

Ex-Mangimificio Martini. Street Art work di Ericailcane | Ravenna

Un altro progetto è quello dell’associazione SPAZI INDECISI che, dal 2009, si dedica a tutti quei luoghi abbandonati (non solo industriali) dall’uomo e dalla società. Lo fa attraverso una mappatura open-source fatta di fotografie, racconti, storie e video e attraverso eventi e installazioni artistiche, finalizzati a sviluppare una consapevolezza estetica dei luoghi stessi.
Da quest’idea di fondo nasce il progetto InLoco, un museo diffuso dedicato a tutti gli edifici abbandonati presenti sul territorio della Romagna: una guida turistica alternativa in sei itinerari che rende disponibili speciali contenuti multimediali, fruibili tramite l’uso di codici QR collocati nelle immediate vicinanze degli spazi.

Spazi Indecisi | Progetto InLoco


Leggi anche:

Autore:

Davide Marino nasce come archeologo ma finisce per fare altro. Razionale ma non metodico, lento e appassionato. Un giovane entusista dai capelli grigi

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *