5 InstaTER in un giorno per #myER_UNESCO

 | 

5 InstaTER in un giorno per #myER_UNESCO


Tempo stimato di lettura: 7 minuti

Dopo l’uscita fotografica di sabato scorso alla Chiusa di Casalecchio, non ci fermiamo più! Il sabato in arrivo, 16 febbraio, stiamo organizzando ben cinque InstaTER in contemporanea, tutti dedicati ai luoghi UNESCO dell’Emilia-Romagna.

Queste passeggiate fotografiche ci daranno l’occasione di incontrarci dal vivo e scattare fotografie per il contest Instagram #myER_UNESCO, il primo della nostra serie di concorsi mensili Instagram dedicati all’Emilia-Romagna [regolamento].

In breve, il concorso di questo mese consiste nell’immortalare con la vostra macchina fotografica o il vostro smartphone uno degli otto siti regionali elencati tra i riconoscimenti UNESCO, e nel pubblicare la foto su Instagram inserendo come commento l’hashtag #myER_UNESCO e una vostra considerazione personale dedicata al luogo ritratto [un’emozione o un ricordo, una conoscenza specifica, le circostanze durante le quali avete scattato la foto..]. Il concorso è aperto a tutti e non ci sono limiti al numero di scatti con cui ogni concorrente può partecipare al contest. In palio, la stampa su tela della propria opera. Attenzione però, perché avete tempo fino al 20 febbraio per taggare le vostre foto! Dal 21 febbraio infatti una giuria interna selezionerà le 20 immagini finaliste, che verranno caricate su una pagina specifica di questo blog e si aprirà la fase di votazione pubblica: chiunque potrà eleggere le proprie foto preferite e quella che al 28 febbraio avrà ottenuto il maggior numero di voti diventerà la vincitrice del concorso!

Ma torniamo ai nostri appuntamenti del weekend! Sabato 16 febbraio alle 14 partiranno in contemporanea cinque visite guidate a Ravenna, Cesena, Faenza, Bologna e Ferrara.

NB: i programmi sono ancora in via di definizione, quindi aggiorneremo le sezioni di questo blogpost man mano che l’organizzazione delle singole iniziative verrà confermata.

RAVENNA

A Ravenna visiteremo i monumenti paleocristiani della città: ci incontreremo alle 14 davanti alla biglietteria della Basilica di San Vitale (Via Fiandrini), da cui inizierà il nostro percorso; quindi la guida ci condurrà in una passeggiata alla scoperta del Mausoleo di Galla Placidia, della Basilica di Sant’Apollinare Nuovo e del Battistero degli Ariani; qui la GoogleMap del percorso.
NB: All’interno dei monumenti sarà possibile scattare foto solo tramite smartphone (è vietato l’utilizzo di macchine fotografiche, flash e cavalletti), come stabilito dalla Diocesi di Ravenna.

La visita guidata durerà circa 2 ore e mezza ed è gratuita, e per i residenti nel Comune di Ravenna è gratuito anche l’accesso ai monumenti (ricordate di portare con voi la Carta di Identità). Per chi viene da fuori e desidera entrare all’interno dei monumenti potremo invece acquistare in loco, presso la biglietteria di San Vitale, il biglietto di ingresso cumulativo che, come gruppo accompagnato da una guida, sarà a tariffa ridotta (8,50 €). Con tale biglietto sarà possibile accedere ai siti UNESCO toccati dal nostro percorso (Basilica di San Vitale, Mausoleo di Galla Placidia, Basilica di Sant’Apollinare Nuovo) ma anche alla Cappella Arcivescovile e al Battistero Neoniano [il biglietto ha validità di una settimana].
Per il Battistero degli Ariani l’ingresso è invece gratuito.
L’acquisto di tale biglietto rimane comunque facoltativo; la guida accompagnerà il gruppo e illustrerà i monumenti anche senza entrare.

Se desiderate partecipare a questo InstaTER UNESCO ravennate, vi chiediamo cortesemente di iscrivervi al relativo Eventbrite; l’iscrizione è gratuita e velocissima [basta inserire nome, cognome e indirizzo email], ma ci è utile per organizzarci e avere un’idea di quanti saremo.

Per chi arriva in automobile, ecco qualche dritta su dove parcheggiare: accanto alla Basilica di San Vitale c’è un parcheggio (a pagamento, 3€); altri, gratuiti, si trovano in via Mons. Lanzoni e in piazzale Torre Umbriatica, a circa 10 minuti a piedi dal punto di incontro [vedi mappa].

Se non riuscirete a essere dei nostri questo sabato, nella pubblicazione “Welcome to Ravenna” potete trovare tutte le indicazioni per visitare i siti UNESCO della città in autonomia [da pag. 42 a 46 c’è una descrizione dei singoli monumenti, mentre a pag. 50-51 trovate la mappa della città].

 CESENA

A Cesena visiteremo la Biblioteca Malatestiana, una biblioteca monastica costruita a metà del 15° secolo che detiene 2 primati assoluti: è stata la prima biblioteca civica d’Europa, ed è l’unico esempio di biblioteca umanistica giunta fino a noi perfettamente conservata. Per questi motivi nel 2005 l’UNESCO ha riconosciuto l’importanza culturale dell’edificio inserendolo nel suo registro Memoria del Mondo.

Appuntamento alle 14 davanti all’ingresso della Biblioteca (Piazza Bufalini 1); una guida ci condurrà poi all’interno dell’edificio e ce ne illustrerà la storia e le sale. L’ingresso e la visita guidata sono completamente gratuiti, ma per ragioni di sicurezza possono accedere gruppi di massimo 25 persone per volta; se il numero dei partecipanti sarà superiore ai 25 iscritti dovremo quindi organizzare più turni di visita.

Inoltre, sempre per ragioni di sicurezza, non possono accedere alla Malatestiana Antica (o Sala del Nuti) più di 3/4 persone per volta, per cui nell’attesa si potranno visitare:
la Biblioteca Piana, situata proprio difronte alla Malatestiana Antica, dove potremo ammirare corali e antiche mappe geografiche, nonché curiosità come il libro più piccolo del mondo leggibile a occhio nudo;
la Sala Lignea, adiacente alla Biblioteca Piana, una sala di lettura realizzata interamente in legno intarsiato.

Se desiderate partecipare a questo InstaTER UNESCO cesenate vi chiediamo cortesemente di iscrivervi [gratuitamente, inserendo nome, cognome e indirizzo email] al relativo Eventbrite, in quanto, per le ragioni suddette, sapere quanti saremo sarà necessario per organizzare al meglio l’ingresso e offrire una visita guidata di qualità per tutti.

Qui tutte le info su come arrivare e sui parcheggi.

Per concludere, un paio di segnalazioni tecniche per i nostri fotografi: 1) la biblioteca non ha subìto modifiche dal 1450, per cui al suo interno non è presente luce elettrica; 2) all’interno della biblioteca non si può utilizzare il flash.

FAENZA

A Faenza visiteremo il MIC – Museo Internazionale delle Ceramiche. Il Museo è stato fondato nel 1908 e tutt’ora costituisce il più importante centro di documentazione della ceramica in ambito internazionale. Il suo straordinario patrimonio [di circa 60.000 opere, delle quali 6.000 esposte] raccoglie le produzioni ceramiche di ogni epoca e continente, dagli antichi reperti di area mesopotamica del IV millennio AC alle opere contemporanee di artisti quali Picasso, Matisse, Chagall..
Nel 2000 il Museo è stato riconosciuto dall’UNESCO come Monumento testimone  di una Cultura di Pace in quanto Espressione dell’arte ceramica nel Mondo.

Appuntamento alle 14 presso l’ingresso del Museo (Viale Baccarini 19); potremo entrare gratuitamente e una guida specializzata ci condurrà tra le collezioni ceramiche, illustrandoci al meglio la realtà UNESCO del Museo.

Se desiderate partecipare a questo InstaTER UNESCO faentino, vi chiediamo cortesemente di iscrivervi al relativo Eventbrite; l’iscrizione è gratuita e velocissima [basta inserire nome, cognome e indirizzo email], ma ci è utile per organizzarci e avere un’idea di quanti saremo.

Qui le informazioni su come raggiungere il Museo; per chi arriva in macchina, tutto il viale davanti al Museo è parcheggiabile e in zona sono presenti sia parcheggi liberi che a pagamento (via Cavour, Via Naviglio).

 BOLOGNA

A Bologna vivremo la realtà musicale della città e visiteremo i luoghi che la rendono Città creativa della Musica. Nel 2006 infatti l’UNESCO ha attribuito questo importante riconoscimento a Bologna, per la sua ricca tradizione musicale in continua evoluzione e il suo impegno a promuovere la musica come mezzo di sviluppo economico e di inclusione socio-culturale.

Dal passato -tra il XVII e XIX secolo Bologna fu meta dei maggiori musicisti d’Europa (Mozart, Liszt, Mendelssohn e poi Farinelli, Rossini e Donizetti, che la scelsero come dimora per periodi più o meno lunghi della loro vita)- al presente, la città ha accresciuto e vivacizzato la sua vocazione musicale.
Oltre ad essere stata la culla di alcuni illustri artisti della musica leggera contemporanea (Mingardi, Guccini, Dalla, Morandi, Carboni, Cremonini..), Bologna è sede dell’Orchestra Mozart (con la Direzione artistica del Maestro Claudio Abbado), è la Capitale europea del Jazz (grazie al Festival Internazionale ideato da Alberto Alberti) e durante l’anno è animata da numerosi Festival, che spaziano dalla musica classica a quella contemporanea.

Appuntamento alle 14 davanti all’ufficio IAT in Piazza Maggiore 1/e, luogo da cui partirà la nostra passeggiata fotografica guidata che ci condurrà tra i principali luoghi bolognesi dedicati all’arte melodica. Potremo entrare gratuitamente e visitare sotto la guida del personale interno il Museo Internazionale e Biblioteca della Musica; quindi il nostro percorso toccherà Casa Rossini, il Conservatorio, il Teatro Comunale (ndr: le foto scattate all’interno del teatro non potranno essere utilizzate per scopi commerciali), la Basilica di San Petronio (ndr: non sarà possibile fotografare tutto l’interno della Basilica, ma solo i dettagli musicali quali l’Organo o il Coro) e l’Oratorio di San Colombano, dove il personale del Museo ci illustrerà la collezione di strumenti musicali del Maestro Luigi Ferdinando Tagliavini lì custodita (anche in questo caso l’ingresso sarà gratuito).
A fine tour chi vorrà potrà seguirci alla Basilica di San Francesco, dimora di Padre Martini (illustre compositore e teorico della musica del 18° secolo, al quale è dedicato il Conservatorio di Bologna) per immortalarla nel momento magico del tramonto.

Ecco l’ordine definitivo delle tappe e gli orari [ e qui la GoogleMap con i punti del percorso]:
– IAT Piazza Maggiore ore 14,00
– Teatro Comunale ore 14,15
– Museo della Musica 15,00
– San Colombano Collezione Tagliavini ore 15,45
– San Petronio ore 16,20

Se desiderate partecipare a questo InstaTER UNESCO bolognese, vi chiediamo cortesemente di iscrivervi al relativo Eventbrite; l’iscrizione è gratuita e velocissima (basta inserire nome, cognome e indirizzo email), ma è necessaria in quanto per motivi organizzativi questo appuntamento prevede un numero massimo di 30 partecipanti.
[UPDATE 15 febbraio: le iscrizioni sono al completo!]

Se invece sabato non riuscirete a essere dei nostri, potrete creare la vostra visita autonomamente seguendo l’itinerario consigliato da BolognaWelcome.

FERRARA

A Ferrara passeggeremo per il centro storico e scopriremo i luoghi che la rendono Città del Rinascimento. Dal 1995 infatti l’UNESCO ha inserito la città estense nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità in quanto mirabile esempio di città progettata secondo i canoni rinascimentali della città ideale, che conserva tutt’ora il suo centro storico intatto.

I principali elementi che lo compongono sono il Castello Estense, il Palazzo dei Diamanti, la Porta e le Mura degli Angeli, il Tempio di San Cristoforo alla Certosa, Piazza Ariostea. Questi sono i monumenti più rilevanti della cosiddetta Addizione Erculea, l’ampliamento quattrocentesco della città voluto da Ercole I d’Este e realizzato dall’architetto Biagio Rossetti.

Appuntamento alle 14 presso l’ufficio IAT che si trova nel cortile interno del Castello Estense. Da lì partirà il nostro itinerario nel centro storico, che evidenzierà lo sviluppo urbanistico peculiare -frutto della pianificazione d’epoca estense- che è alla base del riconoscimento UNESCO (a breve l’itinerario dettagliato). La visita guidata terminerà alle 17, ma la guida ci darà indicazioni e materiale illustrativo (mappa e brochure) per chi di noi avrà voglia di proseguire la passeggiata fotografica per proprio conto.

Se desiderate partecipare a questo InstaTER UNESCO ferrarese, vi chiediamo cortesemente di iscrivervi al relativo Eventbrite; l’iscrizione è gratuita e velocissima [basta inserire nome, cognome e indirizzo email], ma ci è utile per organizzarci e avere un’idea di quanti saremo.

Qui tutte le info su come arrivare in treno o in auto, e sui parcheggi [vedi mappa].

 

Le iniziative sono organizzate in collaborazione con la community degli Igers dell’Emilia Romagna, l’Unione delle Città d’Arte dell’Emilia-Romagna, i Comuni e le Province aderenti.

Autore:

My roots are in Bologna but I love traveling, both physically and with imagination, thanks to books and movies. Communication and crowdsourcing are my bread and butter.