5 escursioni all’aria aperta da vivere nei parchi di Emilia Romagna

 | 

5 escursioni all’aria aperta da vivere nei parchi di Emilia Romagna


Tempo stimato di lettura: 2 minuti

L’Emilia Romagna parte dalle montagne e giunge fino al mare, abbracciando laghi e parchi naturali, accompagnando i fiumi nel loro percorso tra cascate e piane, in un susseguirsi di colori ed emozioni indescrivibili.
Il paesaggio trova una natura in costante evoluzione, in grado di strabiliare lo spettatore grazie al repentino susseguirsi di diversi scenari, ognuno a suo modo particolare ad interessante per la sua flora e fauna.

Quale momento migliore per lanciarsi in una delle belle escursioni sul territorio se non la primavera inoltrata?
Ecco 5 parchi naturali che vi potranno far innamorare della splendida natura in Emilia Romagna.

1.  Parco del Delta del Po

delta-del-Po

Con i suoi 60.000 ettari il Parco inter-regionale del Delta de Po abbraccia zone di ampio interesse quali Pomposa, Comacchio e Sant’Apollinare in Classe. Una flora che cresce su fondo sabbioso e una fauna costituita da oltre 250 specie di uccelli come la spatola, il gabbiano corallino, il gabbiano roseo, il beccapesci, la sterna di Ruppel o i meravigliosi fenicotteri rosa, che qui vivono una tappa del loro lungo percorso migratorio. Tanti sono i punti di interesse da visitare come, il Castello di Mesola o l’Abbazia di Pomposa.
Leggi anche: Primavera Slow: 14 settimane di eventi dedicati alla natura


2. Parco delle Foreste Casentinesi

Ph Nevio Agostini via parcoforestecasentinesi.it

Esteso sul crinale appenninico al confine tra Romagna e Toscana, ne fanno parte le Valli romagnole del Montone, del Rabbi e del Bidente. Camminando tra gli abeti, scavalcando ruscelli e cascate, si respira la mistica atmosfera di luoghi come Camaldoli e La Verna, che hanno accolto grandi personaggi di fede e di pensiero. Cantarono questi paesaggi letterati come Dante e Ariosto, vi si ritirarono uomini di profonda spiritualità come San Romualdo e San Francesco. Un’escursione mistica e meravigliosa vi attende in questi luoghi!
Leggi anche: 5 sentieri per la primavera – 6 idee per scoprire il Parco delle Foreste Casentinesi


3. Parco dei 100 Laghi

Lago Santo via trekking.it

Il Parco Regionale di Crinale Alta Val Parma e Val Cedra, conosciuto anche come il Parco dei Cento Laghi, è un territorio tipicamente montano, ricoperto di boschi e splendidi specchi d’acqua, dove flora e fauna mostrano le loro meraviglie tra abeti bianchi e rossi, tassi, lupi, lontre,cervi, volpi, faine e il raro merlo acquaiolo. All’interno del parco è inoltre presente la rete di sentieri del CAI e tanti sono i punti di interesse da cui far partire un’escursione che non vi lascerà certo insoddisfatti!
Leggi anche: 5 angoli naturali da scoprire in Emilia Romagna – Tutti i cammini in Emilia Romagna


4. Parco della Vena del Gesso Romagnola

Ph. brisighellaospitale.it

Dalla valle del Sillaro fino a Brisighella, nella valle del Lamone, le colline della Romagna son attraversate da una spettacolare dorsale di color grigio argentea, di gesso appunto, che dona al paesaggio un aspetto unico ed indimenticabile. Un ambiente naturale dove le orchidee crescono maestose, tra gli arbusti e la nuda roccia che fa da casa a ginepri e ginestre.
Poco più a sud della Vena Del Gesso sorge il Giardino delle erbe di Casola, l’orto officinale più importante di tutta Europa. Non dimenticatevi inoltre di addentrarvi nelle tante grotte che contraddistinguono questo territorio, dove potrete incontrare i moltissimi pipistrelli o animali rari come il geotritone. Per qualsiasi informazione il Museo Civico di Scienze Naturali di Faenza sarà pronto per visite guidate, eventi e varie proposte.
Leggi anche: Le grotte in Emilia Romagna– Brisighella, un itinerario tra natura e archeologia


5. Parco dei Laghi di Suviana e Brasimone

Ph Deblu68 via wikipedia

Il Parco Regionale dei Laghi di Suviana e Brasimone si estende nei 3.329 ettari dei Comuni di Camugnano, Castel di Casio e Castiglione dei Pepoli in provincia di Bologna. Qui si trovano due ampi bacini costruiti a scopo idroelettrico nei primi del 900. Tra boschi misti di querce, faggi e conifere si staglia lo spettacolare fronte dei Cinghi delle Mogne, costituito dalle arenarie della principali alture. Se sarete fortunati potrete sentire il ticchettio del  picchio rosso maggiore scavare negli antichi tronchi dei castagni che qui trovano dimora.
Leggi anche: Cascate in Emilia Romagna

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *